MODULAZIONI

Musica senza tempo | terza edizione

31 MAGGIO | 22 SETTEMBRE 2024

Direzione artistica di

Paola Cialdella  e  Alessandro Baudino

Concert avant le Coucher

La musica negli alloggi privati della reggia di Versailles

Venerdi 14 giugno – ore 21.00 | Museo Diocesano – Cuneo

Ensemble Didone Abbandonata

Alla corte di Versailles la musica, oltre al ruolo di intrattenimento, ricopriva la funzione di sostegno e consolidamento del potere assolutistico. In essa si riflette la grandezza e lo splendore della nuova età dell’oro politica e culturale inauguratasi con l’ascesa al trono del Re Sole.
Tre furono gli organismi musicali di corte: La Chapelle, consacrata alla liturgia reale; la Grande-Ecurie, dedicata alle cerimonie esterne e musica composta in occasione di cacce, cortei e parate militari; La Chambre, dedicata alla musica profana ossia Ballet de cour, Comédie e Tragédie.
Di questi tre organismi musicali della Maison du Roi, La Chambre era quello più importante e pervasivo. Accompagnava il re e la corte per tutto l’après-midi fino alle ore tarde della notte e forniva quell’aura particolare per la quale la musica del re Sole era nota e riconosciuta in tutta Europa. Era composta da un grande numero di strumentisti che si dividevano nella Grande e Petite Bande, la prima di queste era composta dai vingt-quatre violons, in aggiunta naturalmente a flautisti, liutisti, violisti e altri, tutti impegnati al pieno dell’organico nelle grandi occasioni di feste, ballets de cour o messe in scena di opere, ma anche, spesso in formazioni ridotte, nell’ordinario del re come in talune occasioni: i dîners, gli appartements, i bals, i soupers e il coucher. Dopo un’intensa giornata il re infine si ritirava per il Coucher verso la mezzanotte, ma aveva ancora tempo per ascoltare musica, questa volta e forse finalmente per lui, in privato. Ed è durante questo momento che si potevano ascoltare le Suites en Trio di Jean Baptiste Lully, le suadenti melodie suonate alla tiorba da Robert de Visée e sicuramente i magnifici Concert Royaux di Francois Couperin.
Lo stesso Couperin confesserà nel 1722 di averli fatti ‘’pour les petits concerts de chambre, où Louis XIV me faisait venir presque tous les dimanches de l’année“. Dunque abbandoniamo le nostre vesti di moderni ‘’borghesi’’ e immergiamoci negli alloggi illuminati dalle luci delle candele per intrattenersi in chiacchiere mondane, giocare a carte o biliardo e naturalmente ascoltare musica al fianco di Luigi XIV.

PROGRAMMA:

Jean Baptiste LULLY (1632 – 1687)
Trio pour la chambre de Roy en Do majeur LWV 35
Symphonie, Sarabande, Menuet, La Jeune Iris, Chaconne

Francois COUPERIN (1668 – 1733)
Concert Royal n.1
Prélude, Allemande, Sarabande, Gavotte, Gigue, Menuet en Trio

B. LULLY
Le Bourgeois Gentilhomme LWV 43
Marche pour la cérémonie de Turcs, Gavotte, Canarie, Chaconne de Scaramouche

F. COUPERIN
Concert Royal n.2 en Ré majeur
Prélude, Allemande Fuguée, Air Tendre, Air Contrefugué, Echos

Marin MARAIS (1656-1728)
Allemande e Courante

Jeah-Féry REBEL (1666 – 1747)
Sonata en trio en Ré majeur “La pallas”
Gravement, Vite, Lentament, Gay

Robert DE VISÉE (1665 ca – 1732/33)
Masquerade
Chaconne
en La mineur

INGRESSO LIBERO

Ensemble Didone Abbandonata
Giulio de Felice – flauto traverso 
Francesco Bergamini – violino barocco 
Angelo Lombardo – viola da gamba 
Federica Leonbruni– clavicembalo 
Francesco Olivero – tiorba e chitarra barocca

L’ensemble nasce dall’unione di giovani musicisti torinesi mossi dal desiderio di esplorare il repertorio musicale del ‘600 e ‘700. La formazione prevede un organico a geometria variabile e presenta un repertorio tra musica rinascimentale e preclassica. Ciascuno dei membri dell’ensemble ha collaborato con importanti musicisti come Federico Maria Sardelli, Fabio Bonizzoni, Ryo Terakado, e ha preso parte a produzioni con ensemble specializzati nella musica antica, quali Modo Antiquo, L’Astrée, L’Academia Montis Regalis, Orchestra La Barocca, Stradella Young Project, Accedemia e orchestra del Coro Maghini, Innsbrucker Orchester, Festwochen der Alte Musik. L’ensemble si é esibito in diversi festival di musica antica: Rassegna musicale ‘Wunderkammer’ del museo degli strumenti antichi di Bologna, ‘Festival Giovani per l’Arte’, Marchesato Opera Festival, Opera Festival di Barga, Festival Prometheus di Catania, Il Festival ERBAROCK di Como, Festival dei Saraceni di Pamparato, Festival PERLE di San Vito al Tagliamento, Festival MozART di Pamiers, Festival Organalia, Stagione musicale della Stefano Tempia, Roma Festival Barocco. L’ensemble ha registrato nel 2017 il disco ‘Alla corte del Re Sole’ con musiche dedicate a Francois Couperin.